Brunnen190 espone i design contemporanei più variopinti della scena berlinese


In buona compagnia

Di Anna Carnick

Nascosto in una stradina nel cuore di Berlino, nel movimentato quartiere di Mitte, Brunnen190 è uno dei più nuovi e preziosi gioielli sulla scena del design della città. Fondato nell'inverno 2016, lo showroom gestito da designer è dedicato all'esposizione di nuovi oggetti di produzione propria - pezzi inaspettati, unici o in edizione limitata, invece che articoli prodotti in serie - dei talenti emergenti e più interessanti di Berlino.

Al contrario di una tradizionale galleria, lo spazio è organizzato e gestito a rotazione da circa 10 designer indipendenti, ognuno dei quali dedica un giorno alla settimana allo showroom. La struttura del lavoro è democratica: tutti devono essere d'accordo prima di prendere decisioni importanti riguardo lo spazio, come il lancio di nuovi eventi o l'invito a designer "ospiti" a presentare il loro lavoro temporaneamente accanto alla collezione di base. Le installazioni di Brunnen190 cambiano durante l'anno; al momento, le pareti dello showroom sono rivestite di colori intensi, creando un'atmosfera accogliente tinta con un tocco di lunaticheria - un contesto perfetto per gli eclettici e vivaci design in mostra.

Al momento, i poetici tessuti in legno di Elisa Strozyk occupano il centro della scena in una piccola camera da letto, drammaticamente illuminata dall'alto da un'alta lampada da terra con piume rosse di Heike Buchfelder, anche nota come Pluma Cubic - un pezzo quasi surreale se non fosse così favoloso. Le lampade da parete geometriche di Robert Hoffman - anche loro lunatiche in senso positivo - sono in perfetta sintonia con i mobili in legno grafico e laccato di Martin Holzapfel, bizzarri e rifiniti. Altri lavori degni di nota includono i vasi alchemici Colored by Copper di Milena Kling, che combinano vetro soffiato a bocca e rame con dei risultati romantici e davvero curiosi; le lampade di Tom Kühne create in tessuto di kimono di seta; le lampade organiche Emily Lamps di Daniel Becker, ispirate da un'immagine delle montagne tailandesi del fotografo tedesco Andreas Fursky; e gli sgabelli No Cardboard di Philipp Käfer, eleganti, leggeri e resistenti, creati con la tecnologia dell'alluminio usata normalmente nelle costruzionei marittime e di aeroplani, piuttosto che nella fabbricazione di arredamento. Ovunque si posino gli occhi, tutti gli oggetti di design irradiano una forte personalità e storia, riuscendo al contempo ad essere in armonia gli uni con gli altri.

Il team di Brunnen190 vede questa diversità come un elemento chiave del loro pogetto. Come la designer berlinese Elisa Strozyk ci racconta: "per noi, lo showroom Brunnen190 è un posto dove sperimentare e vedere come le nostre creazioni interagiscono fra di loro. Diversi linguaggi visivi, materiali, e tecniche si combinano a vicenda e aumentano il loro impatto."

Martin Holzapfel è d'accordo. “Questo posto [ci dà l'opportunità] di ricevere un feedback diretto sul nostro lavoro. I nostri visitatori amano vedere i design diversi e inconsueti che presentiamo nello showroom."

Heike Buchfelder sottolinea come la particolare organizzazione del Brunnen190 ne sia il punto di forza. "Poter creare il nostro showroom con designer scelti da noi è un metodo di esposizione molto speciale, perché possiamo agire in maniera indipendente e prendere le nostre decisioni. Abbiamo molta più visibilità e un rapporto più stretto con i nostri clienti. Lo spazio è un punto di incontro, dove ci ispiriamo e critichiamo a vicenda."

E non è un'impresa da poco. In una città dove i designer contemporanei spesso si sentono un po' dispersi, e vivono e lavorano nelle zone periferiche più abbordabili, Brunnen190 offre un punto di incontro conveniente e centrale sia per i suoi fondatori che per la comunità del design. In un certo senso, sembra essere un piccolo microcosmo della grande scena del design della città - di fama recente e ispirato da progetti indipendenti, ma anche stracolmo di un talento impressionante e notevolmente variopinto.

 

Brunnen190 è aperto al pubblico da mercoledì a sabato dalle 12:00 alle 20:00, su Brunnenstr.190, 10119 Berlino

E se vi trovate a Berlino, vi consigliamo di passare il 6 dicembre a partire dalle 18.00, per il prossimo evento speciale dello showroom. Debutteranno nuovi lavori del collettivo insieme a design dei due nuovi arrivati, Andree Weissert e Maria Volokhova, insieme ad una splendida collezione di piccoli regali abbordabili.

  • Testo di

    • Anna Carnick

      Anna Carnick

      Ex redattore per Assouline, the Aperture Foundation, Graphis, e Clear, Anna ama celebrare grandi artisti e designer. Suoi pezzi sono apparsi in diverse importanti pubblicazioni di arte e cultura, ed ha inoltre curato l’edizione di molti libri. Anna è l’autrice di Design Voices e Nendo: 10/10, e poche cose le piacciono come un bel picnic.
  • Foto di

    • Ramtin Zanjani

      Ramtin Zanjani

      Oltre al suo ruolo di responsabile della fotografia da Pamono, Ramtin ha affinato il suo occhio diligente attraverso anni di servizi fotografici per prodotti, direzioni artitstiche, pubblicità, e documentari. Non gli piace molto parlarne, ma ha alcune fantastiche foto disponibili su SaatchiArt.com.

  • Traduzione di

    • Natalia di Giammarco

      Natalia di Giammarco

      Nata e cresciuta a Roma, Natalia ha studiato lingue straniere a Roma e successivamente a Berlino. Sebbene la bellezza della sua città le manchi, l'eccentricità della capitale tedesca l'ha sempre incantata. Le sue passioni includono il cinema, la cucina, il teatro, i viaggi, e ovviamente la traduzione - ma le piace anche semplicemente crogiolarsi al sole per ore con un buon libro o con della buona musica.

Scopri altri prodotti