L'arredamento segue la moda nella nuova collaborazione di Telami x Odeeh


Un'estate infinita

Di Emma Lucek

L'arte influenza la moda. O è il contrario? Qualunque sia la risposta, è chiaro che le due discipline siano intrinsecamente legate, stuzzicandosi in continuazione nelle gallerie e facendosi l'occhiolino alle sfilate. Questa relazione si è poi estesa nel mondo del design degli interni.

Uno degli esempi più popolari si può vedere nella collezione di IKEA disegnata da Virgil Abloh, nuovo direttore artistico del settore dell'abbigliamento da uomo di Louis Vuitton. In questo caso, Abloh usa i suoi famosi motivi per decorare i tappeti e le iconiche buste di IKEA. Ma questo tipo di mix tra design degli interni e moda può dare origine a tante diverse sfumature.

Un esempio è la recente collaborazione tra il duo di fashion designer basato a Berlino ODEEH e il marchio di arredamento italiano Telami, il cui direttore artistico è Leo Prusicki. La presentazione di debutto divisa in due parti - per metà installazione di pezzi di arredamento, e per metà sfilata di moda - ha avuto luogo nel grande giardino verde dello Schinkel Pavillon durante la Berliner Mode Salon a luglio. Otto Drögsler e Jörg Ehrlich di ODEEH applicano il loro approccio giocoso e chic, normalmente adottato per i tessuti, alle sedie Butterfly di Telami nella loro versione classica aggiornata. Qualità, artigianato, e stile audace sono in prima linea.

Dopo essere stata riunita nel giardino, l’elegante folla si trova di fronte al frutto della collaborazione tra i due marchi: circa 20 delle sedie Tripolina di Telami sono sistemate in un’area delimitata, posizionate in diverse direzioni. Eleganti nella forma; bizzarre nei colori. Dopo lo show, ho incontrato Otto Drögsler, che mi ha spiegato l’ispirazione dietro le stampe: “volevamo giocare con il motivo delle Hawaii, e con l’idea di un’estate infinita.”

Questi motivi ispirati alle Hawaii formano la base delle stampe floreali ed organiche. Come è solito fare ODEEH, vengono messi diversi motivi grafici e puliti uno sopra l’altro - un omaggio alle forme audaci degli anni ‘50 di Gio Ponti, spiega Otto, aggiungendo così al design del tessuto sia colori sfacciati che elementi storici.

E quando la musica comincia a risuonare, le porte sul retro del Kronprinzenpalais (Palazzo del Principe Ereditario, NdT) si aprono e, una ad una, escono eleganti modelle che avanzano in fila indiana. Si fermano poi spargendosi sulla scalinata in una formazione studiata. Applausi. Le modelle scendono poi gli scalini e cominciano a camminare lungo il perimetro dell’area delimitata - usando l’erba come passerella - mentre i presenti si sventolano e documentano l’evento per i loro impazienti follower su Instagram. Le modelle, seguendo la coreografia, si fermano all’altezza di diverse sedie - alcune sedendosi, altre rimanendo in piedi - nel round del gioco delle sedie più elegante che io abbia mai visto. Le modelle vestono l’ultima collezione di ODEEH, ed il tessuto dei vestiti è strettamente connesso con quello delle sedie. Voluminose maniche trasparenti svolazzano da abiti precisi e su misura. I tessuti sulle modelle sembrano i cugini più delicati di quelli sulle sedie, che sono stati stampati in Italia su delle tele solide e resistenti. Alcuni motivi si ripetono, altri sono unici, ma sembra esserci una conversazione precisa tra le due collezioni.

Lo show di Telami x Odeeh allo Schinkel Pavillon durante la Berlin Fashion Week Foto © Pedro Gething per Pamono Guardando entrambe le collezioni, è chiaro che la consapevolezza della natura dinamica dell'abbigliamento, in quanto si muove con i nostri corpi, non viene persa dalle sedie. Otto spiega che disegnare un tessuto pensato per il movimento del corpo e disegnarne uno che si adatti ad uno spazio, non sono processi completamente diversi. La decorazione degli schienali delle sedie con motivi vivaci è proprio il frutto di questa riflessione tridimensionale. Questa sedia non fa semplicemente da tappezzeria.

Per Telami, come mi spiegano Leo Prusicki e la sua collega Carola Rho allo show, l’intero team è molto entusiasta perché “le possibilità di collaborazione sono infinite.” Quest’anno, durante il Salone del Mobile di Milano, hanno presentato un esclusivo co-branding con la gallerista di design milanese - ed uno dei nomi più importanti nel mondo del design - Rossana Orlandi. Per l’occasione Orlandi aveva creato la collezione delle Director Chairs in tessuto Dedar di Telami, un mix unico caratterizzato da tartan, motivi a quadri e jacquard.

Con un ampio orizzonte di fronte a loro, Telami continuerà a cercare fashion designer e designer di interni che abbiano il desiderio di giocare con le infinite variazioni di consistenze, colori e materiali, per esprimere al meglio l’identità e lo stile di vita delle persone che li scelgono. Niente è impossibile. (Nemmeno una collezione esclusiva per Pamono. Presto avrete più informazioni...)

 

  • Traduzione di

    • Natalia di Giammarco

      Natalia di Giammarco

      Nata e cresciuta a Roma, Natalia ha studiato lingue straniere a Roma e successivamente a Berlino. Sebbene la bellezza della sua città le manchi, l'eccentricità della capitale tedesca l'ha sempre incantata. Le sue passioni includono il cinema, la cucina, il teatro, i viaggi, e ovviamente la traduzione - ma le piace anche semplicemente crogiolarsi al sole per ore con un buon libro o con della buona musica.

  • Testo di

    • Emma Lucek

      Emma Lucek

      Di origini polacche ma nata in Inghilterra, Emma ha studiato ricerca e design. Oltre ad aiutare Pamono nella ricerca di nuovi venditori, scrive nel campo della teoria dell'arte e dell'architettura, e lavora come giornalista specializzata in design.
  • Foto di

    • Pedro Gething

      Pedro Gething

      Multitalented, full of good ideas, and curious about almost everything—especially his adopted home Berlin—Pedro is a Portuguese-British photographer with a degree in design. We like to have him in the office working on our photos as much as possible, but when we reluctantly let him go, he can found traveling and just generally exploring the world.

Scopri altri prodotti