Philipp Weber

Berlino, Germania

Il designer tedesco Philipp Weber nasce nel 1987 a Münster, Germania. Cominciando i suoi studi nei Paesi Bassi, Weber ottiene la laurea triennale alla Design Academy Eindhoven nel 2012, e fonda poi il suo studio nel 2013 a Berlino, per poi trasferirsi per due anni a Monaco di Baviera. Ritorna a Berlino per ottenere il master all'University of the Arts, dove si laurea nel 2015. Una volta terminati gli studi, Weber lavora ai suoi progetti di design - soprattutto in vetro - e accetta anche lavori da freelance, lavorando per esempio con lo Studio Tomás Saraceno; lo studio di produzione con sede a Berlino dell'acclamato artista di installazioni argentino.

Il lavoro di Weber si concentra sulla produzione e sul processo. Uno dei suoi più grandi interessi è il ruolo delle tecniche di artigianato tradizionali all'interno di un mondo sempre più digitalizzato; è spinto dal desiderio di preservare e sostenere l'artigianato ed esplorare il suo significato attuale nella società. Un esempio perfetto di tale ideale è costituito da A Strange Symphony (2013) la sua serie di oggetti in vetro: per realizzare queste insolite ed organiche forme con il vetro, con le loro numerose cavità interne, ondulazioni, e colori rinfrangenti, il giovane designer ha prima dovuto inventare un tubo su misura per la soffiatura del vetro (ispirato ad una tromba) con numerose valvole che permettono al soffiatore di introdurre delle cavità all'interno del vetro rovente. Il progetto attira decisamente l'attenzione internazionale, e porterà Weber a vincere il New Talent Award nel 2013 al festival di design internazionale DMY a Berlino, e il Bavarian State Prize for Young Designers nel 2014. Nel 2015 A Strange Symphony è stato acquistato dallo Shanghai Museum of Glass per la sua collezione permanente, e l'anno successivo è stato acquistato anche dal Museum of Contemporary Design and Applied Arts a Losanna, Svizzera. In seguito al successo di A Strange Symphony, Weber lancia la sua On Colours Collection (2016), una serie di fantastici oggetti decorativi in vetro realizzati mediante la stessa tecnica di produzione innovativa.

Il lavoro di Weber è stato esposto in diverse mostre in Italia, Francia, Inghilterra, nei Paesi Bassi, nella Repubblica Ceca, a Dubai, e in Cina, tra gli altri. È membro del collettivo Dutch Invertuals e ha avuto occasione di esporre alcuni dei suoi progetti in diverse mostre europee organizzate dal gruppo. Nel 2018 Weber è stato nominato vincitore del prestigioso German Design Award for Newcomers dal German Design Council, confermando la sua reputazione di stella in ascesa sulla scena del design europea.